Numero verde: 800 482 320

Blatte

Scarafaggi: miti e curiosità

Gli scarafaggi, spesso associati negativamente a sporcizia e sudiciume, sono invece insetti straordinari, che tengono molto alla propria igiene.

Scarafaggi in vista?

Antenne pulite per sentire gli odori

Così come le mosche ed altri insetti, anche gli scarafaggi curano particolarmente la pulizia dei propri organi olfattivi. Questi insetti infatti puliscono in continuazione le antenne, spingendole alla bocca con le zampe anteriori per rimuovere le sostanze che potrebbero creare una barriera per l'olfatto e impedendo la percezione dell'odore.

Possono sopravvivere ad una bomba nucleare?

La risposta è sì, perchè possono sopravvivere a radiazioni molto elevate.

In realtà nessuna forma di vita può sopravvivere nel raggio di diversi km dall'epicentro dell'esplosione, perchè la palla di fuoco brucia qualsiasi cosa. Dopo l'esplosione arrivano le radiazioni, che provocano danni irreversibili, perché provocano un malfunzionamento cellulare a causa di alterazioni del DNA.

L'esposizione di un tessuto alle radiazioni è misurata in Grey (Gy). Per gli esseri umani, la dose letale è 4-10 Gy, mentre per gli scarafaggi è di circa 64 Gy, quindi ben 6-15 volte superiore a quella degli esseri umani.

La sua più grande forza è dovuta al fatto che le loro cellule si dividono molto più lentamente in modo che siano più resistenti agli effetti delle radiazioni.

Ciò nonostante, esistono prodotti chimici e sintetici in grado di eliminare blatte e scarafaggi.

Perchè muoiono a pancia in su?

Probabilmente gli scarafaggi morti che vediamo negli ambienti urbani non sono deceduti per cause naturali. La maggior parte degli insetticidi chimici inibiscono la capacità muscolare degli scarafaggi, andando ad agire sull'enzima che regola la trasmissione nervosa. In questo modo l'insetto subisce degli spasmi che lo fanno capovolgere e muoiono in questa posizione, perchè non riescono più a girarsi.

Possono mangiare (quasi) qualsiasi cosa

Questi insetti per natura prediligono le sostanze zuccherine, anche se alcune specie, fra cui la Blattella germanica, hanno sviluppato una particolare avversione al gusto del glucosio, perchè queste sostanze sono state ampiamente utilizzate per componenti dei veleni usati per eliminarli.

Tuttavia non sono completamente indifferenti ai dolci, quindi continuano ad essere ghiotti di cioccolato, cereali, frutta, marmellata, biscotti.

Questi insetti sono onnivori, quindi si nutrono sia di carne animale sia di vegetali, in particolare quelli che contengono amidi.

Sono in grado di mangiare persino insetti morti, capelli caduti, pezzi di unghie umane e in alcuni casi possono persino sviluppare fenomeni di cannibalismo, quindi gli individui della colonia si mangiano gli uni con gli altri.

 

Hai bisogno di informazioni? Ti ricontattiamo subito!

è richiesto
è richiesto
è richiesto

Questo sito usa cookies per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione, accetti di ricevere tutti i cookies del sito.