Numero verde: 800 482 320

Processionaria del pino

Le processionarie possono provocare gravi danni e reazioni allergiche

I bruchi delle processionarie sono pericolosi e rappresentano una minaccia per la salute dell'uomo e per quella degli amici a quattro zampe.

Anticimex offre soluzioni professionali per la disinfestazione delle processionarie

Processionaria del pino

Le processionarie

La processionaria del pino è un lepidottero che si nutre delle foglie dei pini e altre conifere. È un infestante molto aggressivo e distruttivo, che può portare alla defogliazione totale dell'albero che lo ospita.

Il suo nome deriva dalla caratteristica abitudine di muoversi sul terreno in fila, formando una sorta di processione.

Ciclo vitale

In estate, verso sera, gli esemplari adulti emergono dal suolo e sfarfallano. Dopo qualche giorno e l'accoppiamento, le femmine cercano luoghi adatti alla deposizione delle uova, mentre i maschi muoiono. Ciascun esemplare femmina può deporre fino a 300 uova, che vengono disposte lungo gli aghi di pino. Trascorse circa 4 settimane, le uova si schiudono e danno origine alle fameliche larve, volgarmente chiamate "bruchi", che cominciano a nutrirsi degli aghi di pino e si muovono in gruppo, alla ricerca di nutrimento. 

In autunno, quando le temperature diventano progressivamente più rigide, le processionarie formano un nido sericeo, nel quale affronteranno l’inverno.

L'attività riprende in primavera, quando abbandonano la pianta ospite e in fila indiana si dirigono in processione verso un luogo adatto in cui interrarsi, a circa 15 cm di profondità, dove, una volta raggiunta la maturità, si trasformano in farfalle ed emergono dal suolo nella stagione estiva.

Danni e allergie

Le larve e i loro peli urticanti sono la causa dei danni e delle allergie provocate dalle processionarie.

Infatti questi insetti, nonostante le piccole dimensioni, hanno forti mandibole, che gli permettono di nutrirsi anche degli aghi di pino più robusti e in poco tempo possono defogliare interi rami.

Il loro corpo è ricoperto di peli urticanti, che si disperdono molto facilmente e possono provocare reazioni epidermiche e allergiche, come irritazioni cutanee, asmacongiuntiviti sia agli umani che agli animali domestici.

Attenzione agli animali domestici

Cani e gatti sono particolarmente esposti al pericolo della processionaria, perchè annusando il terreno potrebbero inavvertitamente inalare i peli urticanti di questo infestante.

Bisogna prestare particolare, soprattutto in primavera: il contatto con l'apparato digerente o respiratorio dell'animale potrebbe essere fatale!

I sintomi potrebbero variare in base all'esposizione: 

  • eccessiva salivazione da parte dell'animale
  • vomito o diarrea
  • aumento della temperatura corporea.

In questi casi è sempre bene riconoscere i sintomi e rivolgersi immediatamente al proprio veterinario.

Come proteggersi dalle processionarie?

La presenza di esemplari di processionaria del pino può essere molto pericolosa per la salute degli animali domestici e per l'uomo. Sono quindi fortemente sconsigliati i metodi "fai da te" ed è bene rivolgersi agli esperti, i quali attraverso l'utilizzo di specifici prodotti fitosanitari possono debellare l'infestazione.

Hai bisogno di informazioni? Ti ricontattiamo subito!

è richiesto
è richiesto
è richiesto

Questo sito usa cookies per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione, accetti di ricevere tutti i cookies del sito.