Numero verde: 800 482 320

Mosche

Le mosche possono essere molto fastidiose

Le mosche sono insetti ben conosciuti dall’uomo, perchè si sono adattati perfettamente agli ambienti domestici. Purtroppo la loro presenza può causare disagi, non solo a causa del loro fastidioso ronzio, ma anche perchè possono trasmettere agenti patogeni nocivi per la salute dell'uomo.

Problemi con le mosche?

Descrizione

Le mosche sono insetti volanti appartenenti all'ordine dei Ditteri. Sono provviste di zampe e ali funzionali. Sul corpo presentano peluria sensoriale per captare informazioni sull’ambiente circostante, come umidità, vento o temperatura. Misurano dai 2 ai 18 mm e presentano una colorazione grigiastra, ma in alcuni casi presentano una livrea metalliche color verde o blu.  Si nutrono attraverso un apparato boccale lambente e succhiante. 

Hanno 6 zampe, sulle quali sono presenti i recettori dell'olfatto, attraverso i quali possono assaporare il cibo appoggiandovisi. È quindi fondamentale mantenerle pulite e, per questa ragione, è frequente osservarle "sfregarsi" le zampe per rimuovere la sporcizia che vi si accumula. Sull'estremità è presente una sostanza collosa, che gli permette di muoversi agilmente su superfici lisce o verticali. 

Esistono oltre 570 specie, ma in Italia le specie più conosciute sono cinque:

Ciclo vitale

La femmina può deporre centinaia di uova a posa, in base alla specie. Queste vengono deposte sul substrato, dal quale si nutriranno le larve. Il tempo di incubazione delle uova varia in base alla temperatura ed alla specie, ma oscilla fra le 2 ore e i 3 giorni.

Le larve, che subito dopo la schiusa misurano poco più di un millimetro, si nutrono e dopo tre stadi, raggiungono la maturità e si impupano in un luogo buio e riparato, per passare alla fase successiva che le trasformerà in mosche adulte. 

Habitat

La presenza di mosche si può riscontrare quasi ovunque, in tutte le zone climatiche ed altitudini.

Le mosche si sono perfettamente adattate agli ambienti in cui vive l’uomo: dalle case alle aziende, soprattutto alimentari. Infestano formaggi, carni e pesci essiccati, le sostanze organiche possibilmente umide o in decomposizione. La mosca domestica predilige discariche, letamai, ma anche industrie alimentari, magazzini e abitazioni. 

Alcune mosche si nutrono di sangue

Le mosche adulte non hanno denti o mascelle, ma presentano un apparato boccale a forma di proboscide, che gli permette di nutrirsi con i liquidi di materiali in decomposizione, in alcuni casi di sangue o in altri di nettare di fiori. 

Le larve invece presentano un apparato boccale a forma di piccolo uncino, che gli permette di nutrirsi di escrementi, materiali in decomposizione vegetali come frutta e verdura marci o in fase di fermentazione.

La maggior parte delle mosche sono decompositori naturali

Le mosche fanno parte di un gruppo di animali noti come Saprofagi e rientrano quindi tra i decompositori. Quando si nutrono delle carcasse degli animali, di escrementi o di piante in decomposizione, di fatto, stanno riciclando le sostanze nutritive contenuti negli stessi, rendendole nuovamente disponibili. 

Altre specie di mosche si nutrono solo di nettare di fiori, come le api, svolgendo una preziosa funzione di impollinazione di molte specie vegetali.

Le mosche possono nuocere alla salute dell'uomo

Questi insetti rappresentano un problema igienico sanitario, perchè frequentano ambienti sporchi, dove raccolgono patogeni, responsabili di malattie e problemi di salute come colera, tifo, dissenteria o salmonellosi.

La trasmissione avviene per contatto, ovvero appoggiandosi alle ferite dell'uomo o sugli alimenti di cui esso si nutre, contaminandoli.

Hai bisogno di informazioni? Ti ricontattiamo subito!

è richiesto
è richiesto
è richiesto

Questo sito usa cookies per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione, accetti di ricevere tutti i cookies del sito.